Le Mostre

2020

Comunicato Stampa della mostra

DIALOGO CON I MAESTRI 2016

a cura di Armando Audoli

Palazzo Lomellini, Carmagnola (Torino)

27 marzo – 17 luglio 2020

INAUGURAZIONE VENERDI’ 27 marzo, ORE 18:00

Artisti

Nino Aimone, Sergio Albano, Mario Calandri, Margherita Carena, Francesco Casorati, Sandro Cherchi, Giovanni Chissotti, Teonesto De Abate, Albino Galvano, Francesco Menzio, Enrico Paolucci, Carmelina Piccolis, Piero Rambaudi, Sergio Saroni, Giacomo Soffiantino

 

Laura Avondoglio, Paolo Belgioioso, Maria Rosa Benso, Enzo Bersezio, Misetta Bozzini, Luciano Cappellari, Sandro De Alexandris, Vincenzo Gatti, Danila Ghigliano, Massimo Ghiotti, Angela Guiffrey, Mauro Lisardi, Olga Maggiora, Clotilde Ceriana Mayneri, Elisabetta Viarengo Miniotti, Giulio Mosca, Maria Antonietta Onida, Marcello Pisano, Giorgio Ramella, Claudio Rotta Loria, Marina Sasso, Valeria Scuteri

Organizzazione

Associazione Piemontese Arte

Riccardo Cordero, Presidente

In collaborazione con

Assessorato alla Cultura del Comune di Carmagnola

Palazzo Lomellini Arte Contemporanea, Carmagnola Musei, Pro Loco Carmagnola, Abbonamento Musei Torino Piemonte, Turismo Torino e Provincia, Volontario per la mia Città, Antiche Vie del Sale

Sede espositiva

Palazzo Lomellini, Piazza Sant’Agostino, 17 Carmagnola (Torino)

Periodo

27 marzo – 17 luglio 2020

Orario:

Giovedì, venerdì, sabato ore 15:00 -18:00

domenica ore 10:00 -12 :00 • 15:00 -18:00

Ingresso libero

Catalogo a colori, distribuito in sede

Info:

Comune di Carmagnola: 011-9724238

www.comune.carmagnola.to.it / www.palazzolomellini.com

Associazione Piemontese Arte: 011-2481790

www.piemontearte.com

L’Associazione Piemontese Arte presenta nello spazio espositivo di Palazzo Lomellini, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Carmagnola, una interessante mostra collettiva dal titolo Dialogo con i maestri che mette insieme ed a confronto le opere di artisti contamporanei con quelle dei loro passati maestri.

Come scrive, nel catalogo illustrato, il curatore della mostra Armando Audoli:

Certamente questa ricchezza di tipologie espressive solleciterà l’interesse dei visitatori che visiteranno la mostra.

 

 

TRITTICO

 

Raffaella Brusaglino • Giulio Mosca • Beppe Ronco

 

a cura di Gian Giorgio Massara e Angelo Mistrangelo

 

Chiesa dei Disciplinanti Bianchi a Lequio Tanaro (Cn)

27 Settembre - 25 Ottobre 2020

Inaugurazione domenica 27 settembre ore 11,30

Orario: domenica, ore 10-12; 15-18

Ingresso libero

Informazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. www.amicidibene.it

Associazione Piemontese Arte, via Mantova 19, 10153 Torino, tel./fax 011 2481790

La mostra organizzata dall’Associazione Piemontese Arte, presenta nella bella sede storica della

Chiesa dei Disciplinati Bianchi, due pittori e uno scultore a confronto ed a cura dei critici Gian

Giorgio Massara e Angelo Mistrangelo.

Dal loro testo sono estratti i tre frammenti che seguono e che servono a dare un’idea dell’operato

dei tre artisti:

…Conosciamo Raffaella Brusaglino da anni e l’abbiamo sempre considerata una donna volitiva e

determinata; appassionata di pittura, «inventa e rinnova» le proprie tele trasformandole in

processi surreali, silenzi, sentimenti e memorie. Attiva anche nel mondo del teatro, ha realizzato

affiches e partecipato a spettacoli gestuali; nel campo della scenografia è stata presente

all’Ecomuseo del Tessile di Chieri con tele nelle quali il «filo» diviene elemento determinante.

Le opere attualmente esposte a Lequio Tanaro si riallacciano – con convinzione – ai dipinti

realizzati nel passato per la presenza di volti dalle labbra socchiuse, particolari intesi fra il

naturalismo e il decorativo legati alla creatività anni trenta, spazi aurei, mani che divengono

protagoniste silenti nel racchiudere in sé messaggi misteriosi…

…La coinvolgente magia dell’immagine contraddistingue l’opera di GiulioMosca, la realtà di una

scultura che diviene documento di una profonda analisi intorno alla società contemporanea,

dell’evoluzione di una ricerca dalla singolare e personale dimensione espressiva. Allievo di Sandro

Cherchi all’Accademia Albertina e vicino ai fermenti e alle esperienze torinesi dell’Arte Concettuale

e dell’Arte Povera, Mosca consegna alle forme della scultura il fascino di una visione fortemente

interiorizzata. La collaborazione con l’artista americano Sol Lewitt ha sicuramente

contribuito alla formazione di un proprio linguaggio, che è diventato l’indiscutibile testimonianza

di un meditato percorso conoscitivo. E gli elementi dell’«Installazione» esposta nella Chiesa dei

Disciplinanti Bianchi di Lequio Tanaro, realizzata con acrilico, stampe e cera su legno, assumono il

valore di una riflessione filosofica intorno al mistero della vita in rapporto al ruolo dell’arte

figurativa e, in estrema sintesi, al suo essere momento determinante della diffusione delle

emozioni e del pensiero umano…

…Per Beppe Ronco è stato edito un pregevole catalogo dedicato ai temi dei Labirinti

e delle Mutazioni. Piace oggi citare il «Labirinto 18» (1998 ) per la rispondenza

che trova in un pensiero annotato nel 1612 da E. Keiser:..

…Nelle ultime opere considerate permane il tema dell’albero: forme desunte da

foreste, ombre, radici che s’intrecciano («Mutazione 25:c»); poi rami e foglie ideali

che spesso si presentano acuminate, indice di solitudine e di quelle umane sofferenze

che Beppe Ronco «strappa alla notte».

Presenti a qualificate Esposizioni – dalla Promotrice delle Belle Arti alle selettive

rassegne di Santhià – le opere del nostro artista si contraddistinguono per

un personale approccio con la natura nell’intento di esaltarla proiettandola in un

futuro ancora avvolto nel mistero…

 

Domanda di Iscrizione

iscriviti2
Richiedi di far parte dell' Associazione Piemontese Arte compilando la domanda di iscrizione.

Privacy Policy
Cookie Policy
facebook rss