Le Mostre

FEDERICO CHIALES

26/09/2008 - 25/10/2008
Pittura come meditazione
a cura di Pino Mantovani

Piemonte Artistico e Culturale - Via Roma 264, Torino

DOVE:
Piemonte Artistico e Culturale - Via Roma 264, Torino

ORARI:
dal lunedì al sabato 15,30/19,30 - domenica chiuso

INGRESSO:
libero

COMUNICATO STAMPA:
Venerdì 26 settembre alle ore 18:30 si inaugurerà presso la sede del Piemonte Artistico e Culturale in Via Roma, 264 a Torino, la mostra personale dedicata a Federico Chiales promossa dalla Regione Piemonte e organizzata dall'Associazione Piemontese Arte. Le opere esposte, provenienti dalla collezione personale dell'autore e da prestatori privati, documentano alcuni dei più significativi momenti della sua esperienza artistica.

Promotore Regione Piemonte
Organizzazione Associazione Piemontese Arte
Curatore Pino Mantovani
Inaugurazione 26 settembre 2008 ore 18:30
Durata della mostra 26 settembre – 25 ottobre 2008
Sede Piemonte Artistico e Culturale
Via Roma, 264 - Torino
Orario dal lunedì al sabato dalle 15:30 alle 19:30
domenica chiuso
Ingresso libero
Informazioni Associazione Piemontese Arte
tel/fax: 011-248.1790
e-mail /sito web Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.piemontearte.com
Coordinamento Maria Elisabetta Todaro

La tentazione è forte, la tentazione di allargare subito il raggio delle considerazioni, includendo gli interessi spirituali ed esistenziali di Federico Chiales, dal momento che per lui l'arte non è né mestiere né divertimento ma "un tramite per esprimere ciò che è paradossalmente inesprimibile", in un certo senso l'esistenza stessa "rivelata" in immagine. Di fatto, se dovessi portare casi a me noti dove l'uomo e il pittore si intrecciano inestricabilmente, Chiales sarebbe fra i primi. Albino Galvano, che la tensione tra esistenza e pensiero, anima e spirito, natura e artificio ha drammaticamente vissuto e commentato in analisi d'ampio respiro sull'arte orientale ed il Romanticismo (...) presentando Chiales nel '77 (...) mostrava di sentirsene addirittura provocato come critico e come artista (...).
C'è molta materia nei dipinti di Chiales (ma senza materialità né materialismo); non perché la materia raggiunga spessori inusitati (anche se pochi millimentri in aggetto o scavo rispetto ad estensioni limitate, come in genere le opere di Federico, sono proporzionalmente parecchio), quanto per l'evidenza delle stratificazioni. Ed è proprio questa evidenza che racconta veri e propri viaggi: come se i dipinti fossero per l'artista labirinti da percorrere ma senza fretta e senza angoscia, occasioni di sprofondamento e approfondimento meditativo.(...)

dal testo in catalogo di
Pino Mantovani

...(...) La meditazione è parte integrante del mio lavoro pittorico, una preparazione necessaria all'accostamento a ciò che cerco di rappresentare nelle mie opere...
Le variazioni nei miei lavori nascono da un processo interiore, dove i soggetti sorgono da profonde emozioni, dallo stupore sempre più intenso nell'accostarmi alla vita e ai suoi molteplici aspetti.
Concepisco l'arte come un tramite per esprimere ciò che è paradossalmente inesprimibile...(...).

Dalla nota autografa del 2003

ORGANIZZAZIONE:
Associazione Piemontese Arte

ENTE PROMOTORE:
Regione Piemonte

Domanda di Iscrizione

iscriviti2
Richiedi di far parte dell' Associazione Piemontese Arte compilando la domanda di iscrizione.

Privacy Policy
Cookie Policy
facebook rss