Stampa questa pagina

II TRIENNALE INTERNAZIONALE D'INCISIONE

08/11/2003 - 11/01/2004

Gianni Demo Premio Città di Chieri - 2003
Guido Navaretti, Gianfranco Schialvino, Marina Bindella, Giulia Napoleone, Nino Bacco, Emilio Baracco, Gianpaolo Berto, Alberto Boschi, Andrea Carini, Gino Di Pieri, Mario Gosso, Lea Gyarmati, Aristea Kritsotaki, Andrea Lelario, Nando Luraschi, Cesco Magnolato, Enzo Maiolino, Gianluca Murasecchi, Giulia Napoleone, Guido Navaretti, Nicola Ottria, Gianfranco Quaresimin, Mario Rocca, Alberto Rocco, Mario Scarpati, Francesco Sciaccaluga, John Bellany, Elizabeth Blackadder, Christine Borland, John Byrne, Alfons Bytautas, Calum Colvin, Ken Currie, Alan Davie, Stuart Duffin, Chris Evans, Jo Ganter, Roberto Gonzales Fernandez, John McLean, Brent Millar, David Palmer, Barbara Rae, Philip Reeves, Elaine Shemilt, Denise Walker, Adrian Wiszniewsky, Roy Wood.
Imbiancheria del Vajro - Via Imbiancheria 12, Chieri (TO)

CURATORI:
Nico Orengo

DOVE:
Imbiancheria del Vajro - Via Imbiancheria 12, Chieri (TO)

INGRESSO:
gratuito

COMUNICATO STAMPA:
Venerdì 7 novembre 2003 alle ore 18,30 si inaugura, presso l'Imbiancheria del Vajro a Chieri, la 2° Triennale Internazionale di incisione "Gianni Demo" Premio Città di Chieri.
La manifestazione, promossa dalla Città di Chieri, in collaborazione con la Regione Piemonte, la Provincia di Torino e con la partecipazione di Edinburgh Printmakers Centre e Istituto Italiano di Cultura di Edimburgo è organizzata dall'Associazione Piemontese Arte.
Il Premio nazionale "Città di Chieri", dedicato alla memoria dell'incisore chierese Gianni Demo, che ne aveva promosso la 1° Edizione, si propone di sottolineare la validità e vitalità dell'incisione, intesa come linguaggio, fedele alla specificità del mezzo e pur attento e aperto alla ricerca.
A partire da questa edizione verranno, di volta in volta, invitati incisori a rappresentare un paese europeo. Quest'anno paese ospite è la Scozia, dove all'inizio del 2004, a Edimburgo, in una prestigiosa sede espositiva, verrà trasferita questa stessa mostra.
Come sottolinea in catalogo Nico Orengo, ... nell'arte contemporanea c'è sovente un oblio verso tecniche che pur appartengono ad un passato storico, ad una pratica sedimentata nel tempo e nei risultati: è una di quelle cesure ingiuste che fanno di una tecnica qualcosa di datato e obsoleto. Quasi che la modernità, la contemporaneità non volesse più usarle per non apparire abbastanza innovativa.
Questo concetto è ben visibile percorrendo la mostra dove sono esposte le 130 "carte" dei 24 incisori italiani che partecipano al Premio (ognuno presente con 4 opere) e dei 18 scozzesi. Tutte le calcografie di grande qualità e raffinatezza tecnica offrono un panorama estremamente articolato di quella che è oggi l'acquaforte e la xilografia contemporanea.
Il catalogo, edito dalla Marianna Ferrero Editore, contiene la riproduzione di tutte le opere in mostra e testi introduttivi di Nico Orengo, Silvana Nota e Duncan MacMillan.

ALLESTIMENTO:
Architetto Franco Vacca

UFFICIO STAMPA:
Irene Belloni

ORGANIZZAZIONE:
Associazione Piemontese Arte

ENTE PROMOTORE:
Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Chieri