Le Mostre

5 INCISORI TORINESI

03/03/2001 - 14/04/2001

CINQ GRAVEURS TURINOIS
Franco Fanelli - Francesco Franco - Vincenzo Gatti - Daniele Gay - Alberto Rocco
Chapelle de la Visitation, Rue des Granges, 74200 Thonon-les-Bains

CURATORI:
Pino Mantovani

DOVE:
Chapelle de la Visitation, Rue des Granges, 74200 Thonon-les-Bains

ORARI:
da martedì a domenica
16.00 - 19.00

INGRESSO:
gratuito

COMUNICATO STAMPA:
La mostra riunisce cinque incisori attivi a Torino, di diversa generazione e tendenza. Sebbene quattro degli artisti siano stati o siano tuttora docenti presso la Scuola di Tecniche dell'Incisione della locale Accademia di Belle Arti, nondimeno le rispettive ricerche manifestano direzioni diverse. Alla linea sintetica perseguita dall'astrazione di Francesco Franco, da considerarsi tra i rifondatori italiani del linguaggio incisorio alla luce di una continuativa ricerca sull'essenzialità linguistica del segno, si oppone l'analisi operata da Vincenzo Gatti sulla via della narrazione figurale di oggetti e ambienti ad alta densità esistenziale. Sul versante della figurazione paesaggistica opera Daniele Gay, il cui lavoro è fortemente incentrato sull'alfabeto segnico dell'acquaforte, al contrario di Franco Fanelli, che miscela ed addensa procedimenti e pentimenti, individuando la matrice alla stregua di un palinsesto da scavare e sondare. Tratto comune ai quattro autori è l'«ortodossia» tecnica, come del resto avviene per Alberto Rocco, che da decenni ha orientato il suo lavoro verso una coerente analisi delle potenzialità metafisiche della maniera nera. Insieme, i cinque artisti offrono un probante spaccato delle ricerche incisorie in atto a Torino, città di illustri e consolidate tradizioni su questo versante: al di là delle grandi imprese editoriali attivate nel XVII secolo, va ricordato come il capoluogo torinese sia stato, nella seconda metà del XIX secolo, uno dei centri propulsori della rinascita dell'«incisione degli artisti», favorendo l'affermazione di una Società degli Acquafortisti analogamente a quanto avveniva a Parigi e a Londra.

La mostra, prevista nei mesi di marzo e aprile 2001, raccoglierebbe una decina di fogli per ciascun artista; la dimensione delle opere non supera i 50 x 70 cm. Il testo introduttivo al catalogo è affidato a Pino Mantovani, conservatore presso la Galleria Civica d'arte moderna e contemporanea di Torino.

Realizzato con il contributo di
VILLE DE THONON
Monsieur l'Adjoint au Maire
chargé de la Culture et du Patrimoine

ORGANIZZAZIONE:
Associazione Piemontese Arte

ENTE PROMOTORE:
Regione Piemonte, Provincia di Torino

Domanda di Iscrizione

iscriviti2
Richiedi di far parte dell' Associazione Piemontese Arte compilando la domanda di iscrizione.

Privacy Policy
Cookie Policy
facebook rss